Google+ Followers

Google+ Followers

lunedì 5 giugno 2017

Ponte dell'Abbadia: tra Mar-Emma e videoclip


Traversando la Maremma toscana... e anche laziale, presso il sito archeologico di Vulci, capita di trovarsi di fronte a un severo castello che è quasi un miraggio, perso in una landa dall’anima ancestrale, dove c’è spazio per tutto ma non per  un qualsiasi centro abitato.
Castello di Vulci - Ponte dell'Abbadia (Viterbo)
Il maniero, circondato da un fossato, è preceduto da uno spettacolare ponte che supera, con un’altezza di una trentina di metri,  un abisso sul fondo del quale scorre il fiume Fiora. Il ponte viene detto dell’arcobaleno o del diavolo e tutto il complesso è conosciuto come Ponte dell’Abbadia, visto che, in origine, era un’abbazia benedettina. Poi, dal XII secolo, divenne un castello ben fortificato (che ospitò per un periodo anche i cavalieri Templari), con tanto di torre di vedetta, un luogo strategicamente interessante posto com’era tra Stato pontificio e Granducato di Toscana: ancora oggi è praticamente al confine tra le province di Viterbo e Grosseto.

La scena, questa è la mia impressione personale, è presa più che altro dal ponte che, sebbene sia stato rimaneggiato più volte, trasuda di memorie romane ed etrusche, suggerite del resto dalle stesse pietre tufacee dei piloni, la parte più antica dell’ardito manufatto. Nell’insieme un luogo altamente evocativo, anche perché visitato in un pomeriggio dello scorso autunno senza altra anima viva in giro.
Il fatto è che poi ho scoperto, per puro caso, che nello stesso periodo era uscito un videoclip di Emma Marrone in duetto con il cantautore spagnolo Alvaro Soler (quello del tormentone “Sofia” dell’estate 2016) nel “singolo” dal titolo Libre (visibile al link su you tube, che al momento conta oltre 30 milioni di visualizzazioni), ambientato proprio da queste parti (ponte compreso), nella campagna di Cellere e anche nello splendido villaggio medioevale di Pianiano.
Un frame del vieoclip di Emma e Alvaro Soler "Libre" (tratto da youtube)
Che dire della canzone, del prodotto e  della location? I due sono esteticamente piacevoli, la musica è orecchiabile e di immediata presa, i posti (collegati a una  vicenda testuale e per immagini di un "on the road" un po' edulcorato)  esaltati da un’ottima fotografia… ma l’impressione personale è di qualcosa che non lascerà (a parte l’immediato successo) una traccia indelebile nel mondo della musica e neanche dei videoclip. Però, da perfetto profano della musica dal dì d’inc
ö (del giorno d’oggi) come avrebbe detto mio nonno, e che adesso dico io visto che ora l’età del nonno ce l’ho, mi è piaciuta l’idea che un prodotto, tutto sommato, “usa e getta” (detto senza offesa) sia stato abbinato a un’antichità secolare e soprattutto possa destare curiosità nei “cacciatori” di location… alla fine qualcosa resta. Personalmente, il mattino dopo, mi sono risvegliato in un isolatissimo agriturismo in terra toscana, dopo una nottata di intense piogge: una Maremma (senza Emma) che m’ha fatto venire in mente un paroliere d’altri tempi...
“… pace dicono al cuor le tue colline
con le nebbie sfumanti e il verde piano
ridente ne le pioggie mattutine”.
(Giosuè Carducci)

venerdì 5 maggio 2017

Le sei stagioni della vecchia cascina


Vagando nella piana del riso, lungo le strade bianche, gli incontri  non sono molto frequenti, normalmente rari agricoltori meccanizzati, qualche biker e sparute altre “specie” umane in pochi esemplari. Meglio così, a volte è preferibile lasciarsi prendere per mano da ciò che sta intorno, e basta. Anzi, certi luoghi continuano a chiamarti e tu, puntualmente, ci ritorni… perché, non so. Mi è capitato nel maggio dello scorso anno, camminando lungo le rive del canale DAN (Diramatore Alto Novarese) - anche quello in quanto a strano magnetismo su di me non scherza - quando sono stato "catturato" da una cascina.  Una come tante perse nelle risaie e una delle non molte ancora non abbandonate: acqua con le prime piantine di riso, vecchie mura, montagne e soprattutto quell’imponente albero (affiancato da alcuni “fratelli minori”), dall’aspetto quasi sacro. Una visione che mi ha fatto subito venire in mente ricordi lontanissimi, dalla “festa degli alberi” celebrata con entusiasmo alle elementari, alle memorie del nonno che piantava filari di abeti ai bordi della strada, allora sterrata, del Mottarone oltre che nel giardino di casa. Uno di questi lo aveva piantato nel 1930, anno della nascita del suo ultimo figlio, morto poi a 13 anni in circostanze oggi curabilissime. C’è ancora, più in salute che mai. Chissà… forse quel piantone della cascina (un olmo?), mi ha fatto venire in mente quello spirito vitale che pervade tutto, e che ci accomuna anche con gli alberi.  Come si chiama quella cascina?  Cascina dei Prati… nome che è già una poesia, anche se di prati, intorno ce n’è solo uno, piccolino, a ridosso dell’edificio, proprio dove c’è l’albero. Fatto sta che tra nome, suggestioni varie e... sarà solo che è un bel posto, ci sono ritornato più volte… così, per gustare i colori dello scorrere del tempo a ritmi un po’ “piegati” dall’uomo, ma alla fine dettati sempre dalla natura.
 
Foto maggio 2016, luglio 2016, ottobre 2016, dicembre 2016, febbraio 2017, aprile 2017







giovedì 27 aprile 2017

Civezza, il paese del... "metano circense"


A una prima occhiata sembra uno dei tanti villaggi dell’entroterra ligure, arroccati sulle prime alture: una bella chiesona con tanto di svettante campanile tra gli ulivi, la massiccia torre di guardia per gli avvistamenti dei pirati saraceni e il classico inestricabile groviglio di caruggi, anditi, stretti passaggi in cui invariabilmente si infila il vento di mare.  
La chiesa di San Marco a Civezza (Imperia)


L'antica torre di avvistamento




Lo strettissimo "Carugiu de bajadonne"

Ma ognuno di questi borghi è diverso, con una propria anima, proprie caratteristiche e particolarità… non necessariamente legate a tempi lontani. E a volte chi abita in questi luoghi si è ingegnato a inventare un tocco diverso per il proprio paese, anche per evitare di cadere in immeritati oblii. E se la vicina Valloria si è riscoperta come “il paese delle porte dipinte”, Civezza (Imperia) è oggi conosciuta come  il “Circopaese”, nome che deriva da un evento di arte circense da strada che ogni 1° maggio trasforma l’antica e rustica  struttura architettonica del borgo in un’articolata e policroma pista a cielo aperto.

Segni, ovviamente colorati, rimangono a ricordare la manifestazione. Un’idea originale quella di dipingere gli anonimi, brutti e a volte invasivi sportellini del metano con i personaggi del circo.





Una piccola, semplice galleria d’arte “en plein air”, utilizzando un supporto decisamente prosaico… che magari riesce a regalare un sorriso anche al momento della lettura del contatore.

martedì 21 marzo 2017

Morghengo: villaggio sulle scorciatoie del tempo



E’ un po’ il destino dei luoghi posti su una scorciatoia automobilistica, nella specie la "stradina" (nel senso che spesso è davvero molto stretta) provinciale che collega due importanti direttrici, una per la Valsesia e l’altra verso il lago d’Orta. Morghengo, frazione di Caltignaga (No), è un villaggio dall’antica anima rurale dove non ci si ferma mai. Anzi, anche attraversando le poche centinaia di metri del paesello spesso manco si rallenta.
Morghengo (Caltignaga - Novara), "villaggio scorciatoia"
Una scorciatoia appetita soprattutto da quei "furgoni da consegna" alla caccidi un attimo da risparmiare, a ogni ogni costo. Anche a me capita ogni tanto di passarci, e anch’io non mi fermo. Eppure è un luogo in cui il tempo, quello passato, ha un senso, e torna in mente ogni volta che mi ritrovo qui. Stavolta, la scusa di far fare un giretto a Corinne mi ha fatto "rigustare" Morghengo, a piedi.
Corinne nel vecchio campetto di calcio
Il borgo è tutto raccolto intorno a un castello di antica origine, rimaneggiato in varie epoche, racchiuso a sua volta in una cinta muraria. A parte qualche moderno obbrobrio abitativo o agricolo-industriale, l’aspetto generale del villaggio è rimasto quasi come una volta. Ci sono tre strade, due che circondano il castello, di cui una è proprio quella della scorciatoia tra le due ex statali, e poi c’è una via al, sotto del maniero, che le collega.
Parcheggiare in un prato non lontano da un campetto da calcio semiabbandonato, teatro di epiche sfide giovanili, vuol dire entrare già in quei tunnel della memoria che ti fanno passare in un universo parallelo, quello di un’altra  - o altre – vite già vissute, ma sempre da te.

Il castello di Morghengo e la sua torre
La cosa che già tanti anni fa mi piaceva di questo paese era un tratto, brevissimo, di originaria strada acciottolata, che aveva resistito all’asfaltatura, non si sa come e perché, proprio di fronte alla chiesetta di San Martino, di antichissima origine romanica, che oggi presenta una facciata intonacata agli inizi del ‘900 e, all’interno, traccia del primitivo impianto.
L'acciottolato "resiste"...
 


L'interno della chiesetta di San Martino, dall'originario impianto romanico
Di fianco c’è la casa prepositurale, abbandonata, con un portone sormontato da una lunetta dove si intravvede una scritta che testimonia l’antica presenza dei signori del luogo, i Brusati, gli stessi ancestrali nobili del castello.
Il portone della casa prepositurale
Un luogo antico, in cui quel suffisso engo ne tradisce le origini longobarde. Ricordo che qualcuno mi diceva che la prima parte del toponimo morgen era associabile all’attuale parole tedesca, ovvero "mattino"… sarà proprio così? Fatto sta che, rimuginando e dopo aver dato un’occhiata all’enorme maneggio che recentemente ha occupato parte della campagna attorno alla frazione, mi ritrovo davanti alla strada sotto la cinta del castello, acciottolata, questa, di recente. Non me la ricordavo così.  

Una volta era sterrata… ma ben frequentata, soprattutto la domenica. Guardo la scritta ormai sbiadita "Vendita di vini e liquori" con i segni di un’entrata murata… a qualche metro di distanza da un portone, chiuso.
L'entrata della vecchia trattoria
Un tempo il varco di un’ osteria di campagna dove si mangiava divinamente. La rivedo benissimo: appena entrati c’era un "semilocale" con bancone bar per il caffè postprandiale poi, a destra, un singolo, lungo stanzone, illuminato dalle finestre che davano sulla corte. In fondo a sinistra, la porta che introduceva alla cucina, da dove gli intensi effluvi di una volta, si facevano strada facilmente (e senza scandalo di alcuno) nella sala ogni volta che le sciure votate al servizio uscivano lestamente con piatti fumanti. Tutte delizie novaresi, fatte come una volta, con una specialità ormai dimenticata, il "risotto con le quaglie", che però non mi piaceva. E inoltre cacciagione, soprattutto lepri, direttamente dalle campagne circostanti, cucinate con maestria perduta. E, alle pareti, un sacco di ricordi sportivi, ingialliti e antichi ritagli di giornale incorniciati in qualche modo, dove spiccavano soprattutto grandi ciclisti come Bartali e Coppi, quest’ultimo pure immortalato in una foto nella sua seconda grande passione, quella della caccia... Invano cerco nell’aria qualche aroma, ora è tutto fermo e silente.
Tornando verso la strada che conduce ad Agnellengo, noto la traccia di un motto mussoliniano: "Io preferisco coloro che lavorano duro, secco, sodo, in obbedienza e possibilmente in silenzio", frase che non ammette repliche pronunciata, pare, molto lontano da qui, all’inaugurazione di Carbonia del 1938 e riutilizzata come ammonimento per i contadini di queste lande agricole.
La scritta del ventennio....
Ma è poco più in là che voglio fermarmi, dove resiste una vecchia costruzione abbandonata di una certa imponenza. Per me da bambino era "la casa dei pulcini" e qualche volta capitava di passare di qui per andare a trovare uno zio, ai tempi ispettore agrario provinciale, quando lo si sapeva là, a controllare gli allevamenti di pollame, una tra le sue incombenze.
La "casa dei pulcini"...
Vedere tutti quei pulcini, insieme, gialli, pigolanti era una meraviglia  e probabilmente avrò pure chiesto ai miei, invano, di portarne uno a casa…
Insomma, a Morghengo non  manca proprio nulla per non cadere nella trappola della nostalgia pensando a quanto erano belli i "vecchi tempi" rispetto ad oggi… ma invece resisto, al contrario rallegrandomi di aver avuto la ventura di viverli.

giovedì 2 marzo 2017

Monte Grappa, memorie sovrapposte in vetta


Il Ponte degli Alpini a Bassano e il Monte Grappa
Valsugana, Piave, Brenta, Ponte degli Alpini a Bassano, Monte Grappa… girovagando a cavallo del confine tra Veneto e Trentino (solo cent’ anni fa divideva Regno d’Italia e Impero Austro-Ungarico) nomi e luoghi ti fanno ritornare a un passato lontano, quando erano snocciolati con spirito patriottico da una maestra con un nome che era tutto un programma, Itala Bergamo, suora tutta d’un pezzo, dai metodi maneschi e un po’ intimidatori, utilizzati per tenere a bada una scolaresca che andava ben oltre, in quegli anni ’60,  le quaranta unità.
La maestra Itala Bergamo e la sua scolaresca a metà anni '60
Per inculcare un solido amor patrio non mancava nemmeno la musica del “giradischi”, allora, con noi bambini e bambine ad ascoltare e imparare, dopo “Addio mia bella Addio” soprattutto “Il Piave mormorava…”. Così molti ricordi affiorano quando, dopo decenni, sei, finalmente, in quei posti. Luoghi di guerra, vissuti in una giornata di inizio anno dal  sole splendente, senza neve, con tepori inusitati (ma ormai neanche tanto) per la stagione.  A parte le reminescenze scolastiche, il Ponte di Bassano forse un po’ appartiene anche a me, nell’ancora vivido ricordo di un anno passato tra gli alpini e di una canzone popolare cantata in compagnia, la stessa immortalata in una lapide che la associa a “sublimi sacrifici e guerresche procelle”.
La lapide al Ponte degli Alpini
Lassù occhieggia la vetta del Monte Grappa, proprio quella di un altro brano caro alla maestra Itala “Monte Grappa tu sei la mia patria…” Non si può, essendo qui, non salire su quella vetta, “ammantata”, se così si può dire, da un enorme sacrario. Però scegliamo una “pazzesca” (nel senso buono) strada alternativa: una deserta e stretta provinciale che sale tra i boschi, per quasi trenta km di curve, percorse con calma (fortunatamente dietro non c’è nessun energumeno dotato di Suv che chiede strada) dal paesino di Caupo, non lontano da Feltre. Quindi dalle selve del versante nord, con “finestre” dalle quali si aprono squarci panoramici notevoli.


Salendo sul Grappa: Il gruppo del Latemar e il paese di Enego
Si arriva a quota 1700 metri circa, sotto la vetta imbiancata da una colata di pietre chiare e squadrate.  Saranno le suggestioni di prima, sarà la giornata splendida… ma la prima sensazione è molto diversa da quella provata durante la visita, di qualche anno fa, a un altro famoso sacrario della Grande Guerra, Redipuglia, dove immediatamente mi sono sentito immerso in una solenne, triste, commemorazione di una tragedia nazionale.
Il Sacrario del Monte Grappa
Lo ammetto, salendo i gradini del monumento ai Caduti del Grappa, che da una parte guarda i monti e dall’altra alla pianura vicentina, qui difesa strenuamente con tre sanguinosissime battaglie tra il 1917 e il 1918, mi sono lasciato andare a un po’ di retorica. Ben presto scomparsa, non solo di fronte alle tombe dei soldati, ma soprattutto lungo le scalinate scandite, più volte, da ampie urne dove riposano i resti di 100 militi ignoti (in tutto riposano qui oltre 10.000 italiani senza un nome).


E allora anche quella scritta scolpita “Gloria a Voi soldati del Grappa”, riacquisisce un senso diverso, nel sacrificio di una generazione di giovani italiani. 




Si impongono il silenzio e il rispetto, non altro…
Corinne sull' "attenti"...
anche la mia cagnolina Corinne (come avvenuto negli ultimi anni solo due volte, in luoghi altrettanto, seppur in modo completamente diverso, evocativi come La Madonna della Gelata e il Sass Malo) si ferma spontaneamente, rimanendo quasi sull’ “attenti”… non sarà così, ma a me piace pensare ugualmente che i cani sentano vibrazioni particolari.

Così, si sale verso il culmine lungo la Via Eroica, che arriva fino al Portale di Roma, un massiccio edificio costruito con grossi blocchi di pietra dove campeggia un’altra scritta “Monte Grappa tu sei la mia patria”… primi versi della canzone sentita da bambino… e il cerchio, apertosi in mattinata sulle reminescenze scolastiche e sui “sublimi sacrifici”, ora si chiude completamente. 

Poco più in la, in vista delle vette dolomitiche, il settore austro-ungarico riunisce le spoglie di altri 10.000 ragazzi, con un’altra divisa, anch’essi quasi tutti ignoti.

Di che reggimento siete /Fratelli?/Parola tremante/Nella notte/ Foglia appena nata/Nell’aria spasimante/ Involontaria rivolta/ Dell’uomo presente alla sua/ Fragilità/ Fratelli
(Giuseppe Ungaretti)

lunedì 13 febbraio 2017

"Arte Sella", natural experience in Valsugana...


“…Tra vent'anni la gente si accorgerà che c'è stata la creazione della natura che ha dialogato con l'uomo. Che è poi quello che l'uomo ha sempre fatto. La dimenticanza è solo la nostra di non sapere, di non riconoscere più”.

E’ stato un suggerimento di chi mi ha amorevolmente ospitato in un b&b a Bieno, il piccolo borgo “finestra” della Valsugana (Trentino) a condurmi ad “Arte Sella”. All’inizio non ho ben capito di cosa si trattasse, poi, vedendone un depliant illustrativo ho riconosciuto, scavando un po’ nella memoria, non visiva ma “televisiva”, la “Cattedrale vegetale”, l’opera (se così si può dire) più nota di questo straordinario percorso artistico-naturale… ricordavo infatti qualche servizio tv a riguardo.
La "Cattedrale vegetale" di Giuliano Mauri, opera-simbolo di Arte Sella
L’invito, così corroborato, è quindi accolto. Si va… ma un minimo di documentazione, prima, è necessario. Leggo qualcosa… cercando di entrare (o meglio, di immaginare) non in un percorso di Land Art, ma  in qualcosa di completamente diverso.

Mentre da Borgo Valsugana si sale in auto lungo una piccola e meravigliosa insenatura laterale, la Val Sella, la cosa che più mi colpisce nella lettura delle brochure che la compagna dei miei vagabondaggi mi sta facendo è relativa all’incipit di questa esperienza. “Fare Arte Sella”: nel 1986 un’idea del tutto “rivoluzionaria”, quella dei tre amici Carlotta Strobele, laureata in filosofia di origine austriaca, Emanuele Montibeller, commerciante e artista di Borgo Valsugana ed Enrico Ferrari, architetto, pittore e urbanista… creare un percorso in cui natura, arte e uomo si integrano in un insieme in continua evoluzione.  “Fare Arte Sella”, in quegli anni a Borgo Valsugana era diventato un comune e ironico modo di dire che indicava qualcosa di astruso, velleitario… in definitiva un inutile gioco di pochi. Fortunatamente quella felice e libera intuizione si è via via trasformata in un percorso che nel tempo ha raccolto l’adesione di artisti provenienti da tutto il mondo e che ormai richiama in questa discosta valletta alpina decine di migliaia di eterogenei visitatori ogni anno.

"Bosco geometrico" di Urs Twellmann
Appropinquandosi alla testata della valle, si lascia la macchina e si prosegue a piedi per un quarto d’ora circa su una stradina tra boschi e pascoli… già una sorta di “decompressione” prima di entrare in un più autentico contatto con l’ambiente naturale circostante. A Malga Costa la giornata è fredda e lattiginosa in questo strano inizio (senza neve) inverno 2016, che un po’ assomiglia all’autunno, ma ha ormai perso la sua completa vividezza cromatica. Si entra in un composito bosco misto, comunque luminoso… abeti, larici, betulle, carpini, faggi… ed ecco l’incontro con le creazioni artistiche, quasi tutte in legno o in materiali che, nel loro ciclo di trasformazione, con i dovuti tempi, saranno destinate a essere “riassorbite” nella natura.
"Vento di Sella " e "Attraversare l'anima" rispettivamente di  Anthony Howe e di Will Beckers
E’ questo il senso del progetto artistico, un’osmosi tra uomo “artista-non protagonista” e natura in continuo divenire, anche se non immediatamente percepibile, completamente nella traccia dell’opera simbolo di “Arte Sella”, la “Cattedrale vegetale” di Giuliano Mauri (1938-2009) che affermò: “
All'interno di questi artifici che io sto costruendo ci saranno delle piante di carpino. Costruisco artifici per accompagnare le piante nei vent'anni che servono loro per diventare adulte. Dopo questo tempo le strutture sono destinate a marcire, a diventare terra.
"0121-1100=115075" di Jaehyo Lee
Al loro posto, stante una potatura annuale, ci saranno ottanta piante a forma quasi di colonna che ricorderanno comunque il mio lavoro. Quattro filari di alberi per la cattedrale che ho sempre sognato…”.
"La Cattedrale vegetale" di Mauri
Le opere si susseguono nel percorso di visita e ognuna ti dà un’emozione particolare… i titoli sono normalmente didascalici, “Villaggio Vegetale”, “Alveare”, “Bosco geometrico”, “Stupa” ecc. Scelta voluta?
"Il ponte" (realizzato con carta pressata) di Steven Siegel


"Il quadrato" di Rainer Gross

"0121-1100=115075"
E’ una cosa che non disturba anzi, forse anche questo è un invito al ritorno verso un percorso lineare, semplice e non banale, in una parola… naturale. Alla fine, stranamente, non mi è venuta assolutamente in mente la consueta tipica domanda che ci si fa all’uscita di un museo o di una galleria d’arte ovvero: “Quale opera mi è piaciuta di più?”.
All'interno di "Senza titolo" di Aeneas Wilder

"Tana libera per tutti" di Patrick Dougherty
Originali, innovative, ironiche, evocative… ma ciò che colpisce è l’armonia complessiva che si esalta ancor più nel gioco di prospettive tra il bosco e le creazioni… prospettive volute o anche casuali nel divenire delle stagioni? Forse solo… naturali. Ma non è il caso di farsi troppe domande… si esce con la sensazione di aver vissuto una relazione particolare, un dialogo con la natura - intimo, esclusivo e segreto per ogni sensibilità personale - mediato dalla creativita artistica.
                                                 
Testo e foto con autorizzazione di "Arte Sella"