Google+ Followers

Google+ Followers

giovedì 5 febbraio 2015

Civita... uno spot nella “città che muore”?


Ebbene sì, oltre a quelle cinematografiche, anche le location dei più famosi spot pubblicitari che passano in tv ti fanno venir voglia di scoprire di persona le ambientazioni dei set. Specie se lo spot in questione è un po' un "tormentone", come lo è stato in un recentissimo passato (che ogni tanto viene riproposto) quello di una nota marca di marmellata. Spot girato in una fantastica ambientazione, un po' edulcorata (d'altra parte anche il prodotto... lo imponeva) in un piccolo borgo da favola sospeso tra terra e cielo: Civita di Bagnoregio provincia di Viterbo, non lontano dal lago di Bolsena.
Civita di Bagnoregio (Viterbo)
Per arrivarci bisogna percorrere tutta la lunga via centrale del capoluogo comunale, preceduta da cartelli che recitano "Civita, la città (o anche il "paese") che muore". Un richiamo che suona, se non macabro, almeno un po' triste. D'altra parte il minuscolo e antico agglomerato (abitato ormai solo da una dozzina di residenti stabili) poggia su una collina tufacea soggetta a un'inesorabile erosione. Arrivati di fronte al lungo ponte pedonale di accesso a Civita, finalmente la si riconosce con certezza: "Ecco l'inquadratura iniziale dello spot: ci siamo, iniziamo bene!". Per percorrerlo si deve pagare da qualche tempo un piccolo pedaggio, grazie ai proventi del quale (viste le sempre più esigue erogazioni statali...) si potrà monitorare la situazione geologica e intervenire nei casi di urgenza. Percorsa l' aerea e spettacolare passerella (con l'ultimo tratto in salita da prendere con la dovuta calma) finalmente si entra in Civita, alla caccia della "dolce" location.
Il portale di entrata a Civita e... i primi secondi dello spot della marmellata "Santarosa"

Il microcosmo medioevale di Civita è talmente raccolto che per girarlo tutto non ci vuole molto tempo... però la scena dello spot "tormentone", con tutta la buona volontà, non la si trova. E d'altra parte si ha un po' di vergogna a chiedere: "Ma dove hanno girato lo spot della marmellata Santarosa?" quando si è immersi in una bellezza architettonica e in un paesaggio circostante davvero incomparabile. Quindi si lascia Civita con un punto interrogativo, certo da non perdere il sonno, ma sempre tale. Una volta a casa, mi vado a rivedere lo spot, ovviamente riportato su you tube, per capire se la memoria magari mi ha ingannato. Ma ecco il risolutivo responso scritto in calce al filmato: "Soltanto l'inquadratura iniziale è relativa a Civita di Bagnoregio, tutte le riprese dell'interno del borgo a partire dal secondo '04 sono state effettuate nel borgo di Ostia Antica". Mitica rete! Anche stavolta hai trovato una risposta. Ma sarà poi così? Non resterebbe a questo punto che farsi un giro a Ostia Antica... ma è meglio fidarsi. In ogni caso la morale della favola è che la potenza della pubblicità è riuscita a trasformare Civita da "città che muore" a  leggiadra "città virtuale"... già qualcosa, nella speranza che possa essere sempre una "città che vive".
La spettacolare Valle dei Calanchi

Nessun commento:

Posta un commento